Gioia per gli occhi, gioie per il palato: mangiare a Palermo
Palermo

Gioia per gli occhi, gioie per il palato: mangiare a Palermo

Ho già accennato nel mio articolo sul Teatro Massimo al fatto che questo edificio domini una centralissima piazza di Palermo. È da Piazza Verdi infatti che si snodano buona parte dei city tour per esplorare le bellezze di una città che vanta un intero percorso UNESCO, unico al mondo nel suo stile arabo-normanno.

Ciò che non ti ho ancora detto è che proprio alle spalle del Teatro, in uno dei quattro antichi mandamenti cittadini, si trova uno dei mercati storici più vivaci della città: il CAPO.

mercato del  capo palermo

sTREET FOOD TOURS NEI MERCATI STORICI

Streaty tours, che ormai è presente in diverse città italiane, è uno degli operatori che ti condurrà nelle zone meno battute ma più autentiche di Palermo, grazie ai suoi street food tours che combinano la gastronomia locale con l’arte in un perfetto “street style”. Si cammina costantemente con l’acquolina in bocca, sempre pronti per catturare un’immagine perfetta di una zona viva, fatta di bancarelle, di fritturine, di specialità locali, ma soprattutto di palermitani DOC.

PRIMA TAPPA: MERCATO DEL CAPO

Partendo proprio dal Teatro, si raggiunge immediatamente Porta Carini, storico accesso al Mercato del Capo. Panelle, cazzilli ed il leggendario sfincionello sono preceduti dalla Regina dello street food: l’ArancinA. Perché sì, qui la celebre palla di riso che poco si sposa con una dieta ipocalorica è una LEI. L’Arancina è “fimmina” come dicono tutti i palermitani, in eterna rivalità con i cugini catanesi.

arancina palermo
Arancine palermitane in team, perché una non è mai abbastanza!

SECONDA TAPPA: MERCATO DELLA VUCCIRIA

Terminata la passeggiata e gli assaggi al Capo, in Vucciria ci si diverte con un bicchiere di vino locale nei luoghi iconici che hanno fatto la storia dell’ormai “fu” Mercato, coinvolti dagli incredibili personaggi che lo popolano al mattino ormai fedelissimi da decenni.

Il quartiere è oggi tra i più frequentati anche durante la movida notturna, quando l’aria si riempie di odori e di fumi delle “rarigghie” degli “stigghiolari”. Sulle loro griglie, spesso ormai anche al mattino, sfrigolano mangia e bevi, sasizza e stigghiola. Ti spiego di che si tratta: cipollotto avvolto nella pancetta il primo, seguito dalla mitica salsiccia palermitana con i semi di finocchio, per concludere in bellezza con i celebri intestini di vitello o di agnello. Stilare una classifica dei most wanted è impossibile: sono tutte specialità per cui ogni palermitano scenderebbe a patti con il diavolo pur di soddisfare il proprio peccato di gola!

“O VUÓ SCHETTU O MARITATU?”

Se l’arancina è la Regina, il Re dello street food è lui: u Pane ca meusa. Non è per tutti, certo. Ma non puoi dire di essere stato a Palermo se non hai dato almeno un morso. Stiamo parlando di un panino ripieno di milza e polmone di vitello, “schettu”, ovvero solo con limone, o “maritatu”, con l’aggiunta di caciocavallo siciliano.

Il mitico Rocky alle prese con il taglio della milza

LAST BUT NOT LEAST: IL GELATO!

La pasticceria siciliana è tra le più ricche e goduriose d’Italia, dunque l’itinerario enogastronomico non poteva che terminare con un dessert locale: brioche con gelato in estate oppure cannolo con ricotta nelle stagioni più fresche.

A proposito di dessert, qui abbiamo parlato delle migliori bakeries di Palermo, ormai diffusissime in città.

LE TUE ALTERNATIVE MANGERECCE, COMODAMENTE SEDUTI

Troverai le indicazioni MAPS al termine dell’articolo.

A DUE PASSI DAL TEATRO

Se non desideri stare on the road, nei dintorni del Teatro le possibilità di scelta per un pranzo o una cena sono svariate.

Proprio di fronte al Teatro, via Maqueda è rifiorita ed ha subito un restyling totale: grazie alla sua pedonalizzazione iniziata circa 6 anni fa, l’arteria principale di Palermo è oggi costellata di bar, pizzerie, localini di street food, bistrot ed osterie.

Percorrendola fino ai Quattro Canti, l’ormai celebre Bisso Bistrot ti regalerà l’emozione di un pasto completo a non più di 15 euro bevande incluse. È un’osteria tradizionale, ma allo stesso tempo così moderna nella gestione e geniale nell’aver rivalutato i locali originari della storica Libreria Dante.

involtini pesce bisso bistrot palermo
Gli involtini di pesce spada di Bisso Bistrot, colorati e gustosi

Se vorrai assaggiare pesce fresco e trattato con cura, da una traversa di via Maqueda potrai raggiungere Piazza Sant’Onofrio e goderti un po’ d’aria fresca da Pani e Alivi, ancora un’osteria, con una particolare vocazione per la cucina di mare.

Una certezza quando si tratta di pesce è anche l’Osteria Mercede, proprio alle spalle del Teatro Massimo, poco distante a piedi. Qui lo chef Helios, mattatore dalle mani d’oro, ha coltivato il suo sogno di un’osteria per pochi intimi dove si cucinano con il cuore ricette rigorosamente siciliane.

piatto osteria mercede palermo
Le Busiate tenerumi e cozze dell’Osteria Mercede

Al di là della via Maqueda e proprio di fronte al Teatro, invece, si trova quell’area della nightlife che abbiamo sempre chiamato “Champagneria”. In realtà, la Champagneria, oggi “Bottiglieria del Massimo” è soltanto uno dei locali della zona, ma talmente noto da far sì che per estensione tutto il quartiere fosse così chiamato. Fornitissima la sua carta dei vini e delle birre. Degni di menzione nell’area, anche FUD ed il Vespa Cafè, rispettivamente noti per gli ottimi burgers siciliani con prodotti locali e per i ricchi aperitivi da condividere.

FUD Bottega Sicula palermo
FUD, Bottega Sicula

OSTERIE PER TUTTI I GUSTI

Basterà attraversare la via Roma e spostarsi a non più di 15 minuti a piedi dal Teatro per raggiungere

Stile e menù tradizionali a prezzi modici per assaggiare quanto di più tipico si possa desiderare.

osteria mangia e bevi palermo
Vista degli esterni dell’Osteria Mangia e Bevi e della caratteristica, celebre piazzetta

Attraversa la Vucciria e tramite Corso Vittorio Emanuele potrai raggiungere l’Osteria Ballarò in via Calascibetta, per una cena più impegnativa e d’atmosfera. Osteria di nome, ma non di fatto in questo caso, perché qui parliamo in realtà di un ristorante di livello, raffinato ma in un ambiente caldo e suggestivo.

linguine osteria ballaro palermo
Linguine verdi al pesto di basilico, limone candito e frutti di mare dell’Osteria Ballarò

TAGLIERI GOURMET ED ALTA RISTORAZIONE VICINI VICINI

Vuoi assaggiare specialità locali, ma non sei tipo da Osteria? Allora, continua su Corso Vittorio Emanuele per raggiungere la zona di Piazza Marina.

In via dei Bottai, caratteristica e raccolta viuzza proprio alle spalle della piazza, si trova un localino che fa del pane e dei prodotti locali i suoi punti di forza: si chiama “Mooddica”, in un gioco di scrittura a ricordare la muddíca, che in siciliano è la mollica del pane. Proprio il pane in tutte le sue forme e declinazioni, qui accompagna taglieri di pregiati salumi e formaggi, sempre corredati di piccoli assaggi homemade che rispettano stagionalità e territorialità. Non mancano birre artigianali e vini di ottimo livello e uno dei cannoli più buoni di tutta Palermo.

Il godereccio tagliere di Mooddica

Altre eccellenze della zona, di fascia di prezzo medio-alta, a circa 20/30 minuti a piedi dal Teatro:

Qui potrai leccarti i baffi con ottime portate a base di pesce dagli abbinamenti più innovativi. I menù sono rivisti periodicamente per seguire la stagionalità dei prodotti.

piatto Ottava Nota Palermo
Bello come un olio su tela, ecco “Bontà su piatto”, presso L’Ottava Nota

FOOD MAPS:

Beh, che dire?

Non devo convincerti io: Palermo si vende da sola. Qui non manca proprio nulla: arte, storia, tradizioni, buon cibo, vita notturna, belle persone, sole, mare e dintorni da non perdere. Cosa stai aspettando? Corri a prenotare un volo con Volotea, i palermitani sono ansiosi di conoscerti…e di sfamarti!

VOLA A Palermo A PARTIRE DA 9 €
Cerca voli
ALTRI LUOGHI DA SCOPRIRE
Guida alla visita del Guggenheim di Bilbao
Bilbao
Guida alla visita del Guggenheim di Bilbao
La top 5 delle città europee da visitare a Natale
Diverse città
La top 5 delle città europee da visitare a Natale
Gioia per gli occhi, gioie per il palato: mangiare a Palermo
Palermo
Gioia per gli occhi, gioie per il palato: mangiare a Palermo

ISPIRIAMO IL TUO PROSSIMO VIAGGIO?