Anafi, un'isola da scoprire assaporando la libertà
Santorini

Anafi, un'isola da scoprire assaporando la libertà

Raggiungere Anafi è un viaggio di per se’, l’ultima dell’arcipelago delle Cicladi si nasconde a pochi km di distanza da Santorini, svelando a pochi tenaci la sua anima libera e alternativa. Un’isola minuscola, piena di storia, mito, archeologia, natura incontaminata, spiagge incantevoli, tradizioni e prodotti locali.

Anafi è un’isola che ho visto per quattro anni e mezzo, tutte le mattine, dal mio terrazzo di Santorini. Ogni alba, il monastero di Kalamiotissa, spuntava alle spalle del kastro di Akrotiri insieme al sole. La curiosità di visitare quest’isola così vicina ma altrettanto difficile da raggiungere è cresciuta nel corso degli anni insieme al bisogno di costruirmi una nuova vita in una comunità più piccola. I racconti sulla bellezza e unicità di Anafi mi hanno spinto a visitare l’isola a Maggio 2021 e trasferirmici in modo permanente il mese successivo! E’ stato amore a prima vista, esaltato dai profumi dell’isola, la tranquillità e lo spirito libero di questa manciata di km quadrati.

Un’isola che cambia atmosfera di mese in mese, Anafi è un approdo desiderato, un porto da raggiungere per viaggiatori che amano fermarsi e scoprire un luogo attraverso i suoi ritmi.

panorama anafi

Come raggiungere Anafi

L’arrivo ad Anafi è uno dei più affascinanti di tutte le isole Cicladi. L’isola non ha un aeroporto ed è raggiungibile solo con pochi traghetti dagli orari complicati. Le navi che arrivano ad Anafi viaggiano di notte e raggiungono l’isola nelle prime ore dell’alba, i colori del sorgere del sole sul mare saranno il primo meritato regalo per i viaggiatori che hanno deciso di arrivare qui con ostinazione. Il modo più semplice per raggiungere Anafi è volare su Santorini e poi prendere un traghetto (1 ora e mezza di navigazione). Nella stagione estiva ci sono più traghetti notturni (non tutti i giorni!) che collegano Santorini ad Anafi e una barca più piccola che effettua il viaggio di giorno (solo alcuni giorni della settimana). Un altro modo per raggiungere Anafi è volare su Atene e, dalla capitale, prendere un traghetto notturno.

Che cosa fare ad Anafi

Anafi ha una superficie di 36 km quadrati, un solo villaggio, un piccolo porto, ma tanto da scoprire. In generale Anafi non è un’isola dove cercare le cose da fare, è un’isola dove immergersi nei suoi ritmi lenti e condizionati dalle poche navi di passaggio, e dimenticare le necessità e superplus della vita cittadina.

  • Chora, l’unico insediamento dell’isola, arroccato su una collina, con il classico stile cicladico di stradine a labirinto, casette bianche e finestre blu. Passeggiando tra le viette della Chora si ha la sensazione di essere trasportati in un’altra dimensione temporale, si respira semplicità e serenità insieme al profumo del bucato steso nei cortiletti delle case. La Chora si anima al mattino, per la colazione e lo stop obbligatorio al forno del villaggio dove si sfornano prelibatezze della tradizione Anafiotika.
dettaglio chora anafi
  • Kalamos: all’arrivo con la nave impossibile non notare l’imponente collina (463 mt), il secondo monolite più grande d’Europa dopo quello di Gibilterra, e la piccola chiesetta Kalamiotissa aggrappata alla sua cima. In estate molti viaggiatori salgono al tramonto con sacco a pelo, dormono sulla terrazza della chiesa e si svegliano per ammirare l’alba in un’atmosfera davvero surreale e mistica. Per arrivare in cima servono delle buone scarpe da ginnastica, un po’ di allenamento (si tratta di 1 ora e mezza circa in salita) ma il panorama che ti aspetta ti ripagherà di tutta la fatica e sudore. Visita anche il Monastero Zoodochou Pigii da dove parte il sentiero per Kalamiotissa. Se non è aperto, suona la campana e una monaca ti accoglierà all’interno del bellissimo cortile e potrai comprare prodotti locali nel loro negozietto.
Kalamiotissa anafi
© Nicoletta Barbata
  • Trekking sul Kalamos: Anafi è un’isola per chi ama camminare, oltre al trekking sul Kalamos, troverai numerosi percorsi che ti guideranno alla scoperta della sua natura selvaggia, a tratti impervia.
trekking kalamos anafi
© Nicoletta Barbata
  • Gita in mare: Il perimetro dell’isola è ricco di spiagge e calette raggiungibili solo via mare, ti consiglio la gita in barca con il Koursaro (il pirata!) per non perdertene neache una.

Le incontaminate spiagge di Anafi

Le spiagge di Anafi sono il suo fiore all’occhiello, incontaminate e non troverai sdraio o beach bar ma acque cristalline e tranquillità assoluta. Le spiagge non hanno facile accesso e segnale del telefono, il posto ideale dove vivere delle ore da sogno.

Kleisidi: distesa di sabbia bianca circondata da una roccia sovrastante e qualche albero dove cercare riparo all’ombra. Una spiaggia adatta a tutti.

Spiaggia Kleisidi

Katsouni: un piccolissima insenatura meta di chi vuole perdere la cognizione del tempo e rimandare il traghetto di ritorno.

Flamourou: sottile lingua di sabbia, raggiungibile a piedi da Kastouni.

Roukounas: una delle spiagge più famose, con il suo clima alternativo, meta di chi viaggia zaino in spalla, tenda e qualche volta dimentica il costume da bagno. E’ sicuramente uno dei simboli, da sempre, di Anafi.

roukounas anafi
© Nicoletta Barbata

Agii Anargiri: dominata da una chiesetta (attenzione, la leggenda segnala che chi visita questa spiaggia in coppia si sposerà presto nel futuro) che a seconda delle ore del giorno, proietta una affascinante ombra della cappella sulla spiaggia stessa

Monastiri: spaziosa e di facile accesso.

monastiri anafi
© Nicoletta Barbata

Livoskopo: la mia preferita, nel nord dell’isola. Raggiungerla è un’impresa e dovrai percorrere un sentiero a picco sul mare.

livoskopo anafi
© Nicoletta Barbata

Dove mangiare ad Anafi e provare prodotti locali

I prodotti locali di Anafi sono unici e prelibati e li potrai provare in tutte le taverne dell’isola. L’isola è famosa per la sua produzione di miele, per le sue erbe aromatiche e lo zafferano. Sull’isola si produce anche un ottimo vino naturale (Ktima Flamourou) prodotto con una varietà di uva presente solo ad Anafi, chiamata gaidourià.

Non troverai innumerevoli ristoranti o taverne ad Anafi, ma tutti offrono cucina e prodotti locali e ognuno ha una sua peculiarità.

Per colazione

Per pranzo

  • Margarita (Kleisidi)
  • The Mule and the Pig  (Kleisidi)
  • Pappadià (Roukounas)

Per cena

  • Anemo (Chora)
  • Liotrivi (Chora)
  • Nektaria (Porto)
  • Steki (Chora)
  • Armenaki (Chora)

Per un souvlaki

La frizzante, e forse inaspettata, vita notturna di Anafi

In un’isola così piccola e dai ritmi così lenti non ci si aspetterebbe una vita notturna degna di nota, ma non è così! In alta stagione (luglio e agosto) la notte è giovane (o per i giovani!) ma inizia tardi.

  • Steki: taverna che ogni sera si anima con musica dal vivo. Ad una certa ora, via i tavoli e iniziano le danze!
  • Armenaki: aperto da colazione a notte tardi, prenotate un tavolo per cena e ascoltate musica rebetika mentre sorseggiate del raki.
  • Monolithos: cocktail bar sotto le stelle con ottima musica e vinili.
  • Mylos: club dalla atmosfera Anni Ottanta e musica wave. Ogni sera si alternano DJ diversi.
  • Mantres: il club con la vista più bella che avrai visto. Balla fino al mattino guardando la luna e il sole darsi il cambio.

Qual’è il periodo migliore per visitare Anafi?

Ogni stagione ha la sua bellezza. La primavera riserva le atmosfere più calme e rigeneranti, giugno e settembre sono probabilmente i mesi migliori, quando tutte le attività sono aperte e c’è ancora pochissimo turismo. Luglio e Agosto sono i mesi dove troverai più turisti ma sono certa che riuscirai comunque a godere della bellezza dell’isola. Se vuoi visitare l’isola fuori stagione sarà ancora più complicato raggiungerla, ma sicuramente vivrai un’atmosfera davvero local e farai compagnia ai 150 residenti di Anafi (cercami!).

alba ad anafi
© Nicoletta Barbata

La bellezza di Anafi mi ha rapito dal primo momento in cui ho visto il Kalamos fuori dal finestrino del traghetto. Camminando per l’isola respira i profumi della terra e della libertà, Anafi è un’isola dove si arriva pensando di sapere cosa aspettarsi e dove verrai invece completamente sorpreso dalla bellezza selvaggia e incontaminata.

VOLA A Santorini A PARTIRE DA 24 €
Cerca voli
ALTRI LUOGHI DA SCOPRIRE
Itinerario di una settimana in Alta Corsica
Bastia
Itinerario di una settimana in Alta Corsica
La top 7 delle città europee da visitare a Natale
Diverse città
La top 7 delle città europee da visitare a Natale
Nizza vecchia: anima, tradizioni e locali consigliati
Nizza
Nizza vecchia: anima, tradizioni e locali consigliati

ISPIRIAMO IL TUO PROSSIMO VIAGGIO?